Next stop: tabula rasa

04.23.2012

Ripartire dopo un viaggio.
Rinascere su un quaderno nuovo e con in mano una penna, per ritrovare tutte le parole che ho perso.
Riscoprire una grafia, una fluidità e magari – col tempo – anche una storia che cammini con le sue gambe.
Che sappia parlare in maniera accettabile, che incuriosisca chi ancora non la sa.

Mi sono persa tra le spire di mille contenuti frammentati e di dubbio gusto.
Sono annegata in mezzo alle sciatte angherie di una piramide che non ha (più) un suo baricentro.
Sono stata cancellata dal frenetico susseguirsi di giorni troppo veloci per essere vissuti, assaporati, ricordati.
Mi sono smarrita per vivere troppo.
E allora, prima di capire se dar luce a una nuova vita, devo scoprire se ci sia vita dentro di me.
Se ci siano parole, dentro di me.
Se ancora ci sia quel flusso ininterrotto che un tempo scorreva e che ora sembra prosciugato da un insolito carsismo emozionale.

Devo capire quale sia la mia storia, prima di stabilire se sono ancora in grado di estrarne una dalle mie viscere.
Devo capire se sono ancora in grado di parlare, prima di stabilire se io sia realmente degna di far parlare qualcun altro (che non sono io, che nemmeno esiste).
Forse un tempo avrei saputo esprimere meglio ciò che mi tormenta.
Forse un tempo avrei saputo trovare parole di altra caratura.
Oggi però questo è ciò che posso offrire e da qui devo iniziare il mio ennesimo viaggio.

(Io sono un’anima di notte fonda.
Vivo solo di sere accese.)

Ho parlato troppo, devo tacere.
Ho creato troppe immagini, devo scrivere.
Anche a costo di scrivere solo per me (se gli altri non saranno interessati).
D’altronde, il piacere è tutto mio. Prima di tutto.

Se il problema è tuo,
Il mio malessere non sarà la soluzione.
Se è l’insicurezza che ti opprime,
Attaccare me non ti sarà di alcun conforto.
Se mi gratto io, te lo garantisco,
Non è il tuo culo che smetterà di rodere.

Autrice giuiasoi.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.