2018 non te ne andare

03.28.2019

Quando finisce un anno così, non puoi non soffermarti un attimo a ricordare tutto quello che ti ha portato. E due righe su, ce le scrivi per forza. È doveroso, per ogni singolo mese che un anno come questo ha deciso di farti vivere.

Gennaio: le sorprese che non ti aspetti

Febbraio: un compleanno che sconvolge l’universo precostituito

Marzo: non è tutto oro quel che luccica, ma finché luccica perché non goderselo

Aprile: calcio ed emozioni forti

Maggio: Milano che chiude cerchi e ne apre altri

Giugno: l’inizio di una delle tre estati più belle della mia vita (e senza la nazionale)

Luglio: dopo la Svezia, niente sarà mai più uguale a prima

Agosto: un’incantevole settimana in Costa Azzurra e una previsione azzeccata

Settembre: sta per cambiare tutto (ma anche no)

Ottobre: quando capisci che il sogno della tua vita potrebbe realizzarsi davvero

Novembre: another nervous breakdown (ma la colonna sonora è dei Genesis)

Dicembre: Carry on, as nothing really matters. Rapsodia boema di fine anno.

Mi mancherai, 2018. Volevo tanto da te e mi hai dato quasi tutto.

Quando uscirai dalla porta, sarò lì ad accompagnarti tenendoti per mano…

…e prima che tu sparisca nella notte ti prometterò che non ti dimenticherò mai.

E tu mi crederai.

Autrice giuiasoi.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.