GenteMatta

“Ciao Rudy” è un musical dedicato alla vita del grande Rodolfo Valentino, scritto nel 1966 da Garinei, Giovagnini e Magni con le musiche di Armando Trovajoli. Verso la metà dello spettacolo, il protagonista Marcello Mastroianni cantava con Raffaella Carrà una canzone che definiva tutte le persone di spettacolo – per l’appunto – “Gente matta”.
Vero. Verissimo. Insindacabile, quanto universale.
La verità, però, è che i matti non si trovano solo sotto le luci dei riflettori. Sono ovunque, sono attorno a noi e si aggirano freneticamente in cerca della propria ribalta personale. Ci sarà un motivo, penso sempre io, se la vita non gliel’ha fornita spontaneamente; loro, però, questa domanda non se la fanno e continuano a cercare. Soprattutto sotto la metro.

  • (Articolo di Raffaella Troili, pubblicato su Il Messaggero - 7 giugno 2017)

    "A Giulia Soi non sfugge niente. Sulla sua pagina convergono informazioni di servizio, mappe, aneddoti, testimonianze del popolo della metro. E lei trasforma vita vissuta in fiabe"

    il messaggero
  • Intervista di
    Andrea Federica de Cesco

    "Mike Bongiorno capì subito che il mio cognome non ha origini sarde, ma francesi."

    (Rubrica Van Gogh, pubblicato su Sette - 18 gennaio 2018)

    sette